Fungaioli Siciliani - DECRETO 15 luglio 2003, n. 388
Emporio Fichera Treppunti di Giarre
 
 
Benvenuto su Fungaioli Siciliani
Cerca
Home · Topics · Downloads · Your Account · Forums · Top 10
 
 


 
 
Condividi su

twitter facebook blip delicious develway
digg googlebookmark googlebuzz pinger pinger
stumbleupon technorati wikop
 
 

 
 
Rss feed


 
 

 
 
Aiutaci a crescere




 Unisciti a Noi


 ConvenzionaTi

 Forum Micologia

Forum Sicilia
 Sensazione Natura





Check PageRank  
 
 

 
 
Tutto sui corsi






Appunti per i corsi

 Lezione 1
 Lezione 2
 Lezione 3
 Lezione 4
 Lezione 5
 Domande di esame

Memorandum corsi attivati

 Prossima Attivazione






Corso con sede a Santa Venerina}  

Altri Corsi in attivazione

 OFF Road
 Ceramica
 Fotografia
 Cucina dei funghi






 
 

 
 
Rilascio tessere raccolta funghi

Sportelli Comunali
In questa sezione è possibile visionare le informazioni relative alle strutture predisposte al rilascio del tesserino raccolta funghi nei vari comuni siciliani Supporto Informativo

 SERVIZIO TUTELA  Foreste Comando Corpo Forestale Regione Sicilia
 
 

 
 
Normativa Sicilia


 Legge Reg. 3/2006
 Norme attuative
 Decr.P. elenco funghi
 Lg. 23 /08/93, n. 352
 D.P.R 14 /07/95, n. 376
 
 

 
 
Modules

· Home
· Archivio articoli
· Argomenti
· Articoli Top 10
· Categorie
· Consiglia il sito
· Downloads
· FAQ
· Glossario dei Funghi
· HTML_Newsletter
· Il Tuo account
· Inserisci /visualizza Links
· Invia articolo
· Inviaci un messaggio
· Sondaggi
· Statistiche
· terremoti
 
 

 
 
Visitatori on line

In questo momento ci sono, 101 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
 
 

 
 
Caccia&Pesca


 
 

 
 
Volontario Prot.Civile

 
 

 
 
Ricette con funghi



Funghi con la nepitella
Soffritto di porcini
Risotto con funghi
Bruschette con porcini
Crepes ai funghi
Zuppa di funghi
Cappelle di funghi alla griglia
Funghi Trifolati
Cappelli d'ovoli al cartoccio
Spaghetti in salsa di funghi e pecorino
Polpette con funghi
Riecette sui funghi
Patate e funghi
Spaghetti funghi e salsiccia
Pasta alla ''Boscaiola '' di Giovanni S.
Pappa di funghi
Pennette alla siciliana con funghi
Zuppa di ceci e porcini
Funghi infornati
Crepes ai Funghi
Funghi alla Siciliana
Focaccia ripiena di funghi
Pasta con funghi sottolio
Funghi di Camillo
Polpette carne/funghi su foglie di limone
Scaloppine ai funghi
Spaghetti con gallinacci
Involtini di sogliola ai funghi
Pollo ai Funghi
Funghi con patate al forno
Risotto con funghi e prosciutto
Filetto di maiale ai funghi porcini dell'Etna
Crema di funghi
Pappardelle ai funghi porcini
Riso con funghi
Funghi e patate
Pollo e funghi
Quaglie pancetta e funghi
Porcini al forno
Champignon ripieni di carne
Pappardelle con funghi
Scaloppe ai funghi
Funghi al forno
Risotto ai funghi
Funghi sott'olio
Funghi sotto aceto
RAVIOLI DI POLLO AL PARMIGIANO E TARTUFO
Lasagne e funghi
Sugo a base di funghi
Arrosto di maiale con funghi
Scaloppine ai porcini
Basilisco in tegame
Funghi alla siciliana
Fettuccine ai funghi di basilisco
Torta salata con funghi
Arista di maiale con funghi
Stoccafisso ai porcini
FETTINA DI VITELLO CON FUNGHI PORCINI
Cappella di funghi porcini alla griglia
Fegato e gallinacci
Conserva di funghi
Funghi sott'aceto
INSALATA DI FUNGHI
Porcini in padella
SUGO DI CARNE CON FUNGHI
Agnello e funghi
soffritto di chiodini
Farfalle primavera
Schiacciata ai funghi
Pizzette di cappellini
spaghetti con cappellini
Spaghetti profumati
Porcini al Montasio
Tortino di Funghi
FAGOTTINI DI VERZA AL RIPIENO DI FUNGHI E GRANO SARACENO
Tagliatelle ai Funghi
Risotto ai funghi di Rosanna
Lasagne ai funghi di Rosaria
Pasta con Zucca e funghi
Insalata di ovuli-amanita cesarea
Tortiglioni e galletti - Cantharellus cibarius-
Bruschette Funghi e verdura alla claudine
Pizza con frullato di galletti
Tagliatelle castagne e funghi
Chiodini e salsiccia passo passo
Filettini con funghi porcini
Insalata di polpo con patate funghi e rucola
Scaloppine ai funghi
Capesante con porcini
Tagliolini gamberi e porcini
Frittata con funghi di ferla
Funghi al brodo
spugnole ripiene (morchelle)
Torta di funghi e zucchine (Ricetta passo passo)
Cestini croccanti ai funghi
FILETTO DI MANZO AI FUNGHI
ZUPPA DI FUNGHI
PAPPARDELLE AI FUNGHI E CARCIOFI.
INSALATA DI FINOCCHI E PINOLI
Basilisco in tegame
Ravioli ripieni di funghi e noci -Ripieno.
Tranci di nasello con funghi e patate
Agnello ai funghi
Morchelle con crema di tacchino e patate
Filetto di maiale con morchelle essiccate.
Frittata di morchelle
Rotolo di morchelle e ricotta con spinaci
Crema di ricotta di capra, fave e morchelle
Morchelle alla tirolese
Sfoglie di parmigiano croccanti con crema di rosolini e fonduta alle morchelle
Tagliolini alla trifola di morchelle miste
LASAGNETTA ALLE MORCHELLE
Famiglia dei funghetti -Uova e pomodoro
MACCHERONCINI CON OLIVE E FUNGHI
Tagliatelle alla Carrettiera con Porcini
Tagliatelle al cacao con funghi e mascarpone
Crespelle ai funghi chiodini
Insalata di ovuli e porcini
Zuppa di ovuli
Farfalle con porro e funghi
Filetto di maiale con prugne e porcini flambé
Insalata di funghi crudi Prataioli
Insalata di funghi e rucola
Cardoncelli e zucca gialla al forno
Trofiette funghi e speck
Strozzapreti con porcini, zucca e tartufo
Polpettine di zucca e funghi
Strudel di porcini e zucca
Crocchette ai funghi con insalate al salto
Per ogni fungo una ricetta
Tagliatelle al tartufo (scorzone)
Insalata di tonno e funghi
Bavette-porcini limone e pomodorini
Tortino di Funghi
Orecchiette con gamberi e funghi
TAGLIATELLE CON ZUCCHINE E FUNGHI PORCINI
Champignon trifolati
Come cucinare funghi con tossine termolabili
FUNGHI TERMOLABILI
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
OVOLI AL GRATICCIO
BRODO DI OVOLI
OVOLI ALLA CREMA
FUNGHI DELL’INCHIOSTRO
RISOTTO AI GALLETTI
ZUPPA CON GALLETTI
INSALATA DI CHIODINI
CHIODINI IN PADELLA
Cavatelli con funghi e cavolo nero
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
UN FUNGO,UNA RICETTA "Fungiu di ferra"
Crema di ceci e funghi su crostini di pane
Parmigiana di Funghi (ricetta di Rosanna)
 
 

 
 
Controllo funghi ASL Regione Sicilia

 
 

 
  Leggi: DECRETO 15 luglio 2003, n. 388
Posted on Giovedì 05 agosto 2010 by damiano

Protezione Civile MINISTERO DELLA SALUTE
DECRETO 15 luglio 2003, n. 388


Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni. GU n. 27 del 3-2-2004

Il Ministro della Salute

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Il Ministro per la Funzione Pubblica

Il Ministro delle Attività Produttive

Visti gli articoli 12, comma 1, lettere b) e c) e l'articolo 15, comma 3 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni, che demanda ai Ministri della sanita', del lavoro e della previdenza sociale, della funzione pubblica e dell'industria, del commercio e dell'artigianato, il compito di individuare le caratteristiche minime delle attrezzature di pronto soccorso, i requisiti del personale addetto e la sua formazione, in relazione alla natura dell'attivita', al numero dei lavoratori occupati e ai fattori di rischio;

Visto l'atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza, approvato con decreto del Presidente della Repubblica del 27 marzo 1992, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 76 del 31 marzo 1992;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, ed in particolare l'articolo 17, commi 3 e 4;

Visto il decreto del Ministro della sanita' 15 maggio 1992, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 121 del 25 maggio 1992, concernente i criteri ed i requisiti per la codificazione degli interventi di emergenza;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;

Visto l'atto di intesa tra Stato e Regioni recante l'approvazione delle linee guida sul sistema di emergenza sanitaria dell'11 aprile 1996, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 114 del 17 maggio 1996;

Sentita la Commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e l'igiene del lavoro, di cui all'articolo 26 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626;

Acquisita l'intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano;

Acquisito il parere del Consiglio superiore di sanita';

Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 26 marzo 2001;

Adottano il seguente regolamento:


Art. 1.

Classificazione delle aziende

1. Le aziende ovvero le unita' produttive sono classificate, tenuto conto della tipologia di attivita' svolta, del numero dei lavoratori occupati e dei fattori di rischio, in tre gruppi.

Gruppo A:

I) Aziende o unita' produttive con attivita' industriali, soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all'articolo 2, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, aziende estrattive ed altre attivita' minerarie definite dal decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 624, lavori in sotterraneo di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 320, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;


III) Aziende o unita' produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell'agricoltura.

Gruppo B: aziende o unita' produttive con tre o piu' lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Gruppo C: aziende o unita' produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

2. Il datore di lavoro, sentito il medico competente, ove previsto, identifica la categoria di appartenenza della propria azienda od unita' produttiva e, solo nel caso appartenga al gruppo A, la comunica all'Azienda ... Sanitaria Locale competente sul territorio in cui si svolge l'attivita' lavorativa, per la predisposizione degli interventi di emergenza del caso. Se l'azienda o unita' produttiva svolge attivita' lavorative comprese in gruppi diversi, il datore di lavoro deve riferirsi all'attivita' con indice piu' elevato.


Art. 2.

Organizzazione di pronto soccorso

1. Nelle aziende o unita' produttive di gruppo A e di gruppo B, il datore di lavoro deve garantire le seguenti attrezzature:

a) cassetta di pronto soccorso, tenuta presso ciascun luogo di lavoro, adeguatamente custodita in un luogo facilmente accessibile ed individuabile con segnaletica appropriata, contenente la dotazione minima indicata nell'allegato 1, che fa parte del presente decreto, da integrare sulla base dei rischi presenti nei luoghi di lavoro e su indicazione del medico competente, ove previsto, e del sistema di emergenza sanitaria del Servizio Sanitario Nazionale, e della quale sia costantemente assicurata, la completezza ed il corretto stato d'uso dei presidi ivi contenuti;

b) un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.

2. Nelle aziende o unita' produttive di gruppo C, il datore di lavoro deve garantire le seguenti attrezzature:

a) pacchetto di medicazione, tenuto presso ciascun luogo di lavoro, adeguatamente custodito e facilmente individuabile, contenente la dotazione minima indicata nell'allegato 2, che fa parte del presente decreto, da integrare sulla base dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, della quale sia costantemente assicurata, in collaborazione con il medico competente, ove previsto, la completezza ed il corretto stato d'uso dei presidi ivi contenuti;

b) un mezzo di comunicazione idoneo ad attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale;

3. Il contenuto minimo della cassetta di pronto soccorso e del pacchetto di medicazione, di cui agli allegati 1 e 2, e' aggiornato con decreto dei Ministri della salute e del lavoro e delle politiche sociali tenendo conto dell'evoluzione tecnico-scientifica.

4. Nelle aziende o unita' produttive di gruppo A, anche consorziate, il datore di lavoro, sentito il medico competente, quando previsto, oltre alle attrezzature di cui al precedente comma 1, e' tenuto a garantire il raccordo tra il sistema di pronto soccorso interno ed il sistema di emergenza sanitaria di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 27 marzo 1992 e successive modifiche.

5. Nelle aziende o unita' produttive che hanno lavoratori che prestano la propria attivita' in luoghi isolati, diversi dalla sede aziendale o unita' produttiva, il datore di lavoro e' tenuto a fornire loro il pacchetto di medicazione di cui all'allegato 2, che fa parte del presente decreto, ed un mezzo di comunicazione idoneo per raccordarsi con l'azienda al fine di attivare rapidamente il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale.


Art. 3.

Requisiti e formazione degli addetti al pronto soccorso

1. Gli addetti al pronto soccorso, designati ai sensi dell'articolo 12, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, sono formati con istruzione teorica e pratica per l'attuazione delle misure di primo intervento interno e per l'attivazione degli interventi di pronto soccorso.

2. La formazione dei lavoratori designati e' svolta da personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio Sanitario Nazionale. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico puo' avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato.

3. Per le aziende o unita' produttive di gruppo A i contenuti e i tempi minimi del corso di formazione sono riportati nell'allegato 3, che fa parte del presente decreto e devono prevedere anche la trattazione dei rischi specifici dell'attivita' svolta.

4. Per le aziende o unita' produttive di gruppo B e di gruppo C i contenuti ed i tempi minimi del corso di formazione sono riportati nell'allegato 4, che fa parte del presente decreto.

5. Sono validi i corsi di formazione per gli addetti al pronto soccorso ultimati entro la data di entrata in vigore del presente decreto. La formazione dei lavoratori designati andra' ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacita' di intervento pratico.


Art. 4.

Attrezzature minime per gli interventi di pronto soccorso

1. Il datore di lavoro, in collaborazione con il medico competente, ove previsto, sulla base dei rischi specifici presenti nell'azienda o unita' produttiva, individua e rende disponibili le attrezzature minime di equipaggiamento ed i dispositivi di protezione individuale per gli addetti al primo intervento interno ed al pronto soccorso.

2. Le attrezzature ed i dispositivi di cui al comma 1 devono essere appropriati rispetto ai rischi specifici connessi all'attivita' lavorativa dell'azienda e devono essere mantenuti in condizioni di efficienza e di pronto impiego e custoditi in luogo idoneo e facilmente accessibile.


Art. 5.

Abrogazioni

Il decreto ministeriale del 28 luglio 1958 e' abrogato.


Art. 6.

Entrata in vigore

Il presente decreto entra in vigore sei mesi dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come legge dello Stato.


Roma, 15 luglio 2003

Il Ministro della salute Sirchia

Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Maroni

Il Ministro per la funzione pubblica Mazzella

Il Ministro delle attivita' produttive Marzano

Visto, il Guardasigilli: Castelli





Allegato 1

CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Guanti sterili monouso (5 paia).

Visiera paraschizzi

Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1).

Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml (3).

Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10).

Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2).

Teli sterili monouso (2).

Pinzette da medicazione sterili monouso (2).

Confezione di rete elastica di misura media (1).

Confezione di cotone idrofilo (1).

Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2).

Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2).

Un paio di forbici.

Lacci emostatici (3).

Ghiaccio pronto uso (due confezioni).

Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2).

Termometro.

Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa.



Allegato 2

CONTENUTO MINIMO DEL PACCHETTO DI MEDICAZIONE

Guanti sterili monouso (2 paia).

Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1).

Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml (1).

Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1).

Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3).

Pinzette da medicazione sterili monouso (1).

Confezione di cotone idrofilo (1).

Confezione di cerotti di varie misure pronti all'uso (1).

Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1).

Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1).

Un paio di forbici (1).

Un laccio emostatico (1).

Confezione di ghiaccio pronto uso (1).

Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1).

Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza.



Allegato 3

Obiettivi didattici e contenuti minimi della formazione dei lavoratori designati al pronto soccorso per le aziende di gruppo A

OBIETTIVI DIDATTICI
PROGRAMMA
TEMPI
Prima giornata
MODULO A
totale n. 6 ore
Allertare il sistema di soccorso a) Cause e circostanze dell'infortunio (luogo dell'infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli infortunati, ecc.)
b) comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai Servizi di assistenza sanitaria di emergenza.
Riconoscere un'emergenza
sanitaria




1) Scena dell'infortunio
a) raccolta delle informazioni
b) previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili
2) Accertamento delle condizioni psicofisiche del lavoratore infortunato:
a) funzioni vitali (polso, pressione, respiro)
b) stato di coscienza
c) ipotermia e ipertermia
3) Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell'apparato cardiovascolare e respiratorio
4) Tecniche di autoprotezione del personale addetto al soccorso.
Attuare gli interventi di
primo soccorso






1) Sostenimento delle funzioni vitali:
a) posizionamento dell'infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree
b) respirazione artificiale,
c) massaggio cardiaca esterno
2) Riconoscimento e limiti d'intervento di primo soccorso.
a) lipotimia, sincope, shock
b) edema polmonare acuto
c) crisi asmatica
d) dolore acuto stenocardico
e) reazioni allergiche
f) crisi convulsive
g) emorragie esterne post- traumatiche e tamponamento emorragico.
Conoscere i rischi specifici dell'attività svolta
Seconda giornata
MODULO B
totale n. 4 ore
Acquisire conoscenze
generali sui traumi in

ambiente di lavoro

1) Cenni di anatomia dello scheletro.
2) Lussazioni, fratture e complicanze:
3) Traumi e lesioni cranio-encefalici e della
colonna vertebrale.
4) Traumi e lesioni toraco-addominali.
Acquisire conoscenze
generali sulle patologie
specifiche in ambiente di
lavoro
1) Lesioni da freddo e da calore.
2) Lesioni da corrente elettrica.
3) Lesioni da agenti chimici.
4) Intossicazioni.
5) Ferite lacero contuse.
6) Emorragie esterne
Terza giornata
MODULO C
totale n. 6 ore
Acquisire capacità di
intervento pratico






1) Tecniche di comunicazione con il sistema
di emergenza del S.S.N.
2) Tecniche di primo soccorso nelle sindromi
cerebrali acute.
3) Tecniche di primo soccorso nella sindrome
di insufficienza respiratoria acuta.
4) Tecniche dì rianimazione
cardiopolmonare.
5) Tecniche di tamponamento emorragico.
6) Tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato.
7) Tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici.

Allegato 4
Obiettivi didattici e contenuti minimi della formazione dei lavoratori designati al pronto soccorso per le aziende di gruppo B e C


OBIETTIVI DIDATTICI
PROGRAMMA
TEMPI
Prima giornata
MODULO A
totale n. 4 ore
Allertare il sistema di
soccorso
a) Cause e circostanze dell'infortunio (luogo
dell'infortunio, numero delle persone
coinvolte, stato degli infortunati, ecc.)
b) comunicare le predette informazioni in
maniera chiara e precisa ai Servizi di
assistenza sanitaria di emergenza.
Riconoscere un'emergenza
sanitaria





1) Scena dell'infortunio:
a) raccolta delle informazioni
b) previsione dei pericoli evidenti e di quelli
probabili
2) Accertamento delle condizioni psicofisiche del lavoratore infortunato:
a) funzioni vitali (polso, pressione, respiro),
b) stato di coscienza
c) ipotermia ed ipertemia.
3) Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell'apparato cardiovascolare e respiratorio.
4) Tecniche di autoprotezione del personale addetto al soccorso.
Attuare gli interventi di
primo soccorso

1) Sostenimento delle funzioni vitali:
a) posizionamento dell'infortunata e manovre per la pervietà delle prime vie aeree
b) respirazione artificiale
c) massaggio cardiaco esterno
2) Riconoscimento e limiti d'intervento di primo soccorso:
a) lipotimia, sincope, shock
b) edema polmonare acuto
c) crisi asmatica
d) dolore acuto stenocardico
e) reazioni allergiche
f) crisi convulsive
g) emorragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico.
Conoscere i rischi specifici dell'attività svolta
Seconda giornata
MODULO B
totale n. 4 ore
Acquisire conoscenze
generali sui traumi in
ambiente di lavoro
1) Cenni di anatomia dello scheletro,
2) Lussazioni, fratture e complicanze.
3) Traumi e lesioni cranio-encefalici e della colonna vertebrale.
4) Traumi e lesioni toraco addominali.
Acquisire conoscenze
generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro
1) Lesioni da freddo e da calore.
2) Lesioni da corrente elettrica,
3) Lesioni da agenti chimici.
4) Intossicazioni.
5) Ferite lacero contuse.
6) Emorragie esterne.
Terza giornata
MODULO C
totale n. 4 ore
Acquisire capacità di
intervento pratico
1)Principali tecniche di comunicazione
con il sistema di emergenza del S.S.N.
2) Principali tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute.
3) Principali tecniche di primo soccorso ella sindrome respiratoria acuta.
4) Principali tecniche di rianimazione cardiopolmnonare.
5) Principali tecniche di tamponamento emorragico. 6) Principali tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato.
7) Principali tecniche di primo soccorso in caso di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici.


 
 

 
 
 
Links Correlati

· Inoltre Protezione Civile
· News by damiano


Articolo più letto relativo a Protezione Civile:
Nozioni di Primo Soccorso

 
 

 
 
Article Rating

Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
 

 
 
Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 

 
 
Associated Topics

Protezione Civile
 
 



 
 

Associazione Didattico Culturale
Fungaioli Siciliani
Il Portale dei Fungaioli in Sicilia
Via Eleonora D'Angio 12  95030  Pedara (CT)
C.F  9003237087
info@fungaiolisiciliani.it

Pedara Catania







PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.10 Secondi