Fungaioli Siciliani - USO DELLE APPARECCHIATURE RICETRASMITTENTI
Ristorante Pizzeria Moulin Rouge Zafferana Etnea
 
 
Benvenuto su Fungaioli Siciliani
Cerca
Home · Topics · Downloads · Your Account · Forums · Top 10
 
 


 
 
Condividi su

twitter facebook blip delicious develway
digg googlebookmark googlebuzz pinger pinger
stumbleupon technorati wikop
 
 

 
 
Rss feed


 
 

 
 
Aiutaci a crescere




 Unisciti a Noi


 ConvenzionaTi

 Forum Micologia

Forum Sicilia
 Sensazione Natura





Check PageRank  
 
 

 
 
Tutto sui corsi






Appunti per i corsi

 Lezione 1
 Lezione 2
 Lezione 3
 Lezione 4
 Lezione 5
 Domande di esame

Memorandum corsi attivati

 Prossima Attivazione






Corso con sede a Santa Venerina}  

Altri Corsi in attivazione

 OFF Road
 Ceramica
 Fotografia
 Cucina dei funghi






 
 

 
 
Rilascio tessere raccolta funghi

Sportelli Comunali
In questa sezione è possibile visionare le informazioni relative alle strutture predisposte al rilascio del tesserino raccolta funghi nei vari comuni siciliani Supporto Informativo

 SERVIZIO TUTELA  Foreste Comando Corpo Forestale Regione Sicilia
 
 

 
 
Normativa Sicilia


 Legge Reg. 3/2006
 Norme attuative
 Decr.P. elenco funghi
 Lg. 23 /08/93, n. 352
 D.P.R 14 /07/95, n. 376
 
 

 
 
Modules

· Home
· Archivio articoli
· Argomenti
· Articoli Top 10
· Categorie
· Consiglia il sito
· Downloads
· FAQ
· Glossario dei Funghi
· HTML_Newsletter
· Il Tuo account
· Inserisci /visualizza Links
· Invia articolo
· Inviaci un messaggio
· Sondaggi
· Statistiche
· terremoti
 
 

 
 
Visitatori on line

In questo momento ci sono, 93 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
 
 

 
 
Caccia&Pesca


 
 

 
 
Volontario Prot.Civile

 
 

 
 
Ricette con funghi



Funghi con la nepitella
Soffritto di porcini
Risotto con funghi
Bruschette con porcini
Crepes ai funghi
Zuppa di funghi
Cappelle di funghi alla griglia
Funghi Trifolati
Cappelli d'ovoli al cartoccio
Spaghetti in salsa di funghi e pecorino
Polpette con funghi
Riecette sui funghi
Patate e funghi
Spaghetti funghi e salsiccia
Pasta alla ''Boscaiola '' di Giovanni S.
Pappa di funghi
Pennette alla siciliana con funghi
Zuppa di ceci e porcini
Funghi infornati
Crepes ai Funghi
Funghi alla Siciliana
Focaccia ripiena di funghi
Pasta con funghi sottolio
Funghi di Camillo
Polpette carne/funghi su foglie di limone
Scaloppine ai funghi
Spaghetti con gallinacci
Involtini di sogliola ai funghi
Pollo ai Funghi
Funghi con patate al forno
Risotto con funghi e prosciutto
Filetto di maiale ai funghi porcini dell'Etna
Crema di funghi
Pappardelle ai funghi porcini
Riso con funghi
Funghi e patate
Pollo e funghi
Quaglie pancetta e funghi
Porcini al forno
Champignon ripieni di carne
Pappardelle con funghi
Scaloppe ai funghi
Funghi al forno
Risotto ai funghi
Funghi sott'olio
Funghi sotto aceto
RAVIOLI DI POLLO AL PARMIGIANO E TARTUFO
Lasagne e funghi
Sugo a base di funghi
Arrosto di maiale con funghi
Scaloppine ai porcini
Basilisco in tegame
Funghi alla siciliana
Fettuccine ai funghi di basilisco
Torta salata con funghi
Arista di maiale con funghi
Stoccafisso ai porcini
FETTINA DI VITELLO CON FUNGHI PORCINI
Cappella di funghi porcini alla griglia
Fegato e gallinacci
Conserva di funghi
Funghi sott'aceto
INSALATA DI FUNGHI
Porcini in padella
SUGO DI CARNE CON FUNGHI
Agnello e funghi
soffritto di chiodini
Farfalle primavera
Schiacciata ai funghi
Pizzette di cappellini
spaghetti con cappellini
Spaghetti profumati
Porcini al Montasio
Tortino di Funghi
FAGOTTINI DI VERZA AL RIPIENO DI FUNGHI E GRANO SARACENO
Tagliatelle ai Funghi
Risotto ai funghi di Rosanna
Lasagne ai funghi di Rosaria
Pasta con Zucca e funghi
Insalata di ovuli-amanita cesarea
Tortiglioni e galletti - Cantharellus cibarius-
Bruschette Funghi e verdura alla claudine
Pizza con frullato di galletti
Tagliatelle castagne e funghi
Chiodini e salsiccia passo passo
Filettini con funghi porcini
Insalata di polpo con patate funghi e rucola
Scaloppine ai funghi
Capesante con porcini
Tagliolini gamberi e porcini
Frittata con funghi di ferla
Funghi al brodo
spugnole ripiene (morchelle)
Torta di funghi e zucchine (Ricetta passo passo)
Cestini croccanti ai funghi
FILETTO DI MANZO AI FUNGHI
ZUPPA DI FUNGHI
PAPPARDELLE AI FUNGHI E CARCIOFI.
INSALATA DI FINOCCHI E PINOLI
Basilisco in tegame
Ravioli ripieni di funghi e noci -Ripieno.
Tranci di nasello con funghi e patate
Agnello ai funghi
Morchelle con crema di tacchino e patate
Filetto di maiale con morchelle essiccate.
Frittata di morchelle
Rotolo di morchelle e ricotta con spinaci
Crema di ricotta di capra, fave e morchelle
Morchelle alla tirolese
Sfoglie di parmigiano croccanti con crema di rosolini e fonduta alle morchelle
Tagliolini alla trifola di morchelle miste
LASAGNETTA ALLE MORCHELLE
Famiglia dei funghetti -Uova e pomodoro
MACCHERONCINI CON OLIVE E FUNGHI
Tagliatelle alla Carrettiera con Porcini
Tagliatelle al cacao con funghi e mascarpone
Crespelle ai funghi chiodini
Insalata di ovuli e porcini
Zuppa di ovuli
Farfalle con porro e funghi
Filetto di maiale con prugne e porcini flambé
Insalata di funghi crudi Prataioli
Insalata di funghi e rucola
Cardoncelli e zucca gialla al forno
Trofiette funghi e speck
Strozzapreti con porcini, zucca e tartufo
Polpettine di zucca e funghi
Strudel di porcini e zucca
Crocchette ai funghi con insalate al salto
Per ogni fungo una ricetta
Tagliatelle al tartufo (scorzone)
Insalata di tonno e funghi
Bavette-porcini limone e pomodorini
Tortino di Funghi
Orecchiette con gamberi e funghi
TAGLIATELLE CON ZUCCHINE E FUNGHI PORCINI
Champignon trifolati
Come cucinare funghi con tossine termolabili
FUNGHI TERMOLABILI
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
OVOLI AL GRATICCIO
BRODO DI OVOLI
OVOLI ALLA CREMA
FUNGHI DELL’INCHIOSTRO
RISOTTO AI GALLETTI
ZUPPA CON GALLETTI
INSALATA DI CHIODINI
CHIODINI IN PADELLA
Cavatelli con funghi e cavolo nero
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
UN FUNGO,UNA RICETTA "Fungiu di ferra"
Crema di ceci e funghi su crostini di pane
Parmigiana di Funghi (ricetta di Rosanna)
 
 

 
 
Controllo funghi ASL Regione Sicilia

 
 

 
  Protezione Civile: USO DELLE APPARECCHIATURE RICETRASMITTENTI
Posted on Giovedì 05 agosto 2010 by damiano

Protezione Civile L'utilizzo delle apparecchiature radio e la loro detenzione sono regolate in Italia da numerose leggi, alcune di esse risalgono addirittura agli anni venti. Senza entrare nel merito è opportuno ricordare che chiunque usi un'apparecchiatura radio deve essere autorizzato dal Ministero delle Comunicazione mediante una licenza, come nel caso dei radioamatori, o mediante un'autorizzazione,

come nel caso delle apparecchiature ad uso cosiddetto "civile". Una radio ricetrasmittente genericamente è composta da un corpo centrale che contiene i circuiti di sintonia, ricezione e trasmissione, di un microfono, un altoparlante, un'antenna e un alimentatore. Vi sono anche i portatili, o palmari, che raggruppano in un unico pezzo tutti i componenti appena descritti. Prima di iniziare un collegamento radio bisogna sincerarsi che tutti i "pezzi" siano opportunamente collegati, in caso contrario oltre a rendere impossibile il collegamento radio, si può provocare un grave danno all'apparecchiatura stessa. Rivolgendosi ai neofiti e tralasciando le radio complesse dei radioamatori e dei CB, vi sono alcuni comandi e strumenti che compaiono su tutte le apparecchiature radio in commercio, essi sono:
  • Manopola del volume e di on/off
  • Manopola di sintonia o di canale
  • Manopola di silenziamento o "squelch"
Pulsante di trasmissione PTT ( Pusch To Talck , schiaccia per parlare) Una volta accesa l'apparecchiatura (manopola on/off) e regolato il volume di ascolto necessario, si regolerà il silenziamento fino a scomparsa del rumore di fondo. Per poter effettuare la comunicazione radio è necessario essere sintonizzati sulla stessa frequenza, o sullo stesso canale in uso, pertanto la manopola di sintonia andrà ruotata fino a far comparire il canale o la frequenza desiderata. A questo punto si potrà trasmettere la propria voce premendo il pulsate PPT che normalmente è posto su di un lato del microfono, parlando a breve distanza dallo stesso e rilasciando il PTT immediatamente alla fine della comunicazione. Questa operazione è necessaria in quanto le radiotrasmittenti (a differenza del telefono), sono monodirezionali, cioè durante la ricezione non possono trasmettere e viceversa. Pertanto quando si preme il pulsante PTT si attiva la radio nel modo trasmissione e si inibisce la ricezione. Per far capire al corrispondente che si sta finendo di trasmettere e che si passerà all'ascolto, al termine della comunicazione si pronuncia la parola "passo". Questa operazione, che spesso comporta degli errori nei principianti, è molto più semplice apprenderla mediante prove pratiche che non cercare di spiegarla in questo testo. Il massimo rendimento si ottiene seguendo alcune norme fondamentali: tenersi sempre lontani da muri e da manufatti in metallo, posizionare le antenne in spazi aperti e più in alto possibile. Quando si usano i portatili, non trasmettere con l'apparecchiatura agganciata alla cintura (il rendimento della radio scende dell'80%)

PROCEDURE E TERMINOLOGIE DI TRASMISSIONE

Per effettuare una chiamata radio si segue la seguente procedura:
  • Sincerarsi che nessuno stia impegnando la frequenza per evitare di "sovramodulare" ovvero disturbare altre comunicazioni.
  • Rivolgersi al corrispondente chiamandolo con il suo nominativo e indicando il luogo dove si trova.
  • Far seguire il proprio nominativo e il luogo dove ci si trova es. "ATTENZIONE SALA OPERATIVA DEL COMUNE DI FOLLONICA DA SQUADRA BETA IN LOCALITA' CASONE, PASSO".
  • Quando la sala operativa comunale darà il permesso di comunicare si potrà trasmettere il messaggio o la richiesta. Questa procedura è necessaria in quanto la sala operativa potrebbe essere impegnata a ricevere un'altra trasmissione da una località lontano da voi e di conseguenza la vostra apparecchiatura non è in grado di ascoltarla. Appena effettuato il primo collegamento, per verificare la ""bontà dello stesso", si richiede il controllo. Esso consiste nello scambiarsi rispettivamente le condizioni di ricezione: Il QRK (controllo in codice Q), è un dato importantissimo in fase di monitoraggio radio del territorio perchè permette di identificare zone d'ombra delle trasmissioni radio. Si compone di due dati: "RADIO" e "SEGNALE". Il primo è relativo alla comprensibilità della voce ricevuta, il secondo alla forza del segnale misurato da un apposito strumento montato normalmente su apparecchiature radio di qualità ("S"meter). Tralasciando la lettura dello strumento, si può in ogni caso dare un controllo radio secondo questa scala: Tabella della comprensibilità radio
  • RADIO 5 : comprensibilità 100% - forte e chiaro
  • RADIO 4 : comprensibilità 80% - abbastanza comprensibile
  • RADIO 3 : comprensibilità 60% - appena comprensibile
  • RADIO 2 : comprensibilità 40% - comprensibilità a tratti
  • RADIO 1 : comprensibilità 20% - non comprensibile
  • RADIO 0 : assenza di modulazione - non si sente niente
Generalmente le comunicazioni radio vengono effettuate "in chiaro", cioè parlando normalmente, è opportuno comunque sapere che i CB e i radioamatori, insieme ad altri numerosi enti, usano alcuni codici o linguaggi particolari definiti codice Q e codice di sillabazione Nato. Nel primo, ad alcune frasi fatte di uso comune, sono associati dei codici di 3 lettere come ad esempio QTR = orario di trasmissione; QTC = messaggio da trasmettere.
Un operatore occasionale che comunichi via radio con un corrispondente che utilizza questo codice, è opportuno che richieda subito la trasmissione in chiaro per evitare inutili richieste successive di spiegazioni. Il codice Nato di sillabazione, o "Spelling", è invece fondamentale per tutti gli operatori radio, perchè sulle reti di comunicazione transitano messaggi di richiesta di farmaci o nomi complessi. La sillabazione effettuata in maniera corretta permette in questi casi l'assenza di errori che possono essere fatali. Esempio: .."il paziente è stato colpito da ictus (spelling): INDIA, CHARLIE, TANGO, UNIFORM, SIERRA e pertanto deve essere trasportato mediante elicottero".. Con queste brevi note chiaramente non si diventa operatori radio di telecomunicazioni di emergenza, ma sicuramente esse dovrebbero permettere a chiunque, nel malaugurato caso si trovasse in situazione di emergenza e con la disponibilità di una apparecchiatura radio, di lanciare un messaggio di allarme o di richiesta di soccorso.
COMPORTAMENTO DELL'OPERATORE RADIO
Finora sono stati descritti gli aspetti "tecnici" dei collegamenti radio d'emergenza. Occorre aggiungere che colui che invia un messaggio radio non sempre è un semplice esecutore di una richiesta ma, frequentemente, è anche colui che genera il messaggio. I messaggi possono riguardare innumerevoli casistiche, ed è pertanto indispensabile seguire il cosiddetto "Triage delle informazioni", per essere esaurienti, concisi e precisi. Le informazioni inutili, o logorroiche, occupano la frequenza, creano confusione e sono dannose per chi le riceve.
TRIAGE DELLE INFORMAZIONI
Un compito che spesso è affidato a un volontario munito di ricetrasmittente, è quello di "verificare la situazione" ovvero recarsi sul luogo dove è avvenuta l'emergenza per descrivere la reale situazione. La descrizione del sinistro è di estrema importanza per poter avere informazioni precise al fine di inviare i mezzi di soccorso più idonei senza perdite di tempo. Occorre quindi riordinare le idee e trasmettere un messaggio chiaro e conciso, in modo da occupare la frequenza il meno possibile. Tutto ciò si può fare applicando la regola delle "5 W". Where When What Who Why Ovvero DOVE QUANDO COSA CHI COME
Giunti sul luogo del sinistro: -

  • Memorizzare l'indirizzo (Comune, frazione, via, numero civico, strada statale, provinciale, comunale ecc.), prestare attenzione anche ai particolari salienti della zona e della sede stradale(ponticelli, fossi, chiesette ecc.)
  • Capire il tipo di sinistro (terremoto, alluvione, crollo, incidente stradale) ed individuare le conseguenze (dispersi, annegati, feriti).
  • Controllare se vi sono pericoli collaterali (spandimenti di liquido infiammabile, tossico, cavi di corrente elettrica scoperti, materiale con il simbolo della radioattività.
  • Pianificare il percorso più semplice per gli eventuali aiuti, tenendo presente le dimensioni dei mezzi di soccorso quali autopompe, autoscale, autogrù. Con il quadro della situazione perfettamente nella mente, si può iniziare a trasmettere il primo messaggio di soccorso che contenga solo le informazioni secondo la regola descritta precedentemente. Ogni altra informazione DEVE essere ritenuta inutile per la trasmissione del primo messaggio pertanto non deve essere riferita


 
 

 
 
 
Links Correlati

· Inoltre Protezione Civile
· News by damiano


Articolo più letto relativo a Protezione Civile:
Nozioni di Primo Soccorso

 
 

 
 
Article Rating

Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
 

 
 
Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
 

 
 
Associated Topics

Protezione Civile
 
 



 
 

Associazione Didattico Culturale
Fungaioli Siciliani
Il Portale dei Fungaioli in Sicilia
Via Eleonora D'Angio 12  95030  Pedara (CT)
C.F  9003237087
info@fungaiolisiciliani.it

Pedara Catania







PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.08 Secondi