Fungaioli Siciliani
Azienda Agricola Gambino-Linguaglossa
 
 
Benvenuto su Fungaioli Siciliani
Cerca
Home · Topics · Downloads · Your Account · Forums · Top 10
 
 


 
 
Condividi su

twitter facebook blip delicious develway
digg googlebookmark googlebuzz pinger pinger
stumbleupon technorati wikop
 
 

 
 
Rss feed


 
 

 
 
Aiutaci a crescere




 Unisciti a Noi


 ConvenzionaTi

 Forum Micologia

Forum Sicilia
 Sensazione Natura





Check PageRank  
 
 

 
 
Tutto sui corsi






Appunti per i corsi

 Lezione 1
 Lezione 2
 Lezione 3
 Lezione 4
 Lezione 5
 Domande di esame

Memorandum corsi attivati

 Prossima Attivazione






Corso con sede a Santa Venerina}  

Altri Corsi in attivazione

 OFF Road
 Ceramica
 Fotografia
 Cucina dei funghi






 
 

 
 
Rilascio tessere raccolta funghi

Sportelli Comunali
In questa sezione è possibile visionare le informazioni relative alle strutture predisposte al rilascio del tesserino raccolta funghi nei vari comuni siciliani Supporto Informativo

 SERVIZIO TUTELA  Foreste Comando Corpo Forestale Regione Sicilia
 
 

 
 
Normativa Sicilia


 Legge Reg. 3/2006
 Norme attuative
 Decr.P. elenco funghi
 Lg. 23 /08/93, n. 352
 D.P.R 14 /07/95, n. 376
 
 

 
 
Modules

· Home
· Archivio articoli
· Argomenti
· Articoli Top 10
· Categorie
· Consiglia il sito
· Downloads
· FAQ
· Glossario dei Funghi
· HTML_Newsletter
· Il Tuo account
· Inserisci /visualizza Links
· Invia articolo
· Inviaci un messaggio
· Sondaggi
· Statistiche
· terremoti
 
 

 
 
Visitatori on line

In questo momento ci sono, 154 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui
 
 

 
 
Caccia&Pesca


 
 

 
 
Volontario Prot.Civile

 
 

 
 
Ricette con funghi



Funghi con la nepitella
Soffritto di porcini
Risotto con funghi
Bruschette con porcini
Crepes ai funghi
Zuppa di funghi
Cappelle di funghi alla griglia
Funghi Trifolati
Cappelli d'ovoli al cartoccio
Spaghetti in salsa di funghi e pecorino
Polpette con funghi
Riecette sui funghi
Patate e funghi
Spaghetti funghi e salsiccia
Pasta alla ''Boscaiola '' di Giovanni S.
Pappa di funghi
Pennette alla siciliana con funghi
Zuppa di ceci e porcini
Funghi infornati
Crepes ai Funghi
Funghi alla Siciliana
Focaccia ripiena di funghi
Pasta con funghi sottolio
Funghi di Camillo
Polpette carne/funghi su foglie di limone
Scaloppine ai funghi
Spaghetti con gallinacci
Involtini di sogliola ai funghi
Pollo ai Funghi
Funghi con patate al forno
Risotto con funghi e prosciutto
Filetto di maiale ai funghi porcini dell'Etna
Crema di funghi
Pappardelle ai funghi porcini
Riso con funghi
Funghi e patate
Pollo e funghi
Quaglie pancetta e funghi
Porcini al forno
Champignon ripieni di carne
Pappardelle con funghi
Scaloppe ai funghi
Funghi al forno
Risotto ai funghi
Funghi sott'olio
Funghi sotto aceto
RAVIOLI DI POLLO AL PARMIGIANO E TARTUFO
Lasagne e funghi
Sugo a base di funghi
Arrosto di maiale con funghi
Scaloppine ai porcini
Basilisco in tegame
Funghi alla siciliana
Fettuccine ai funghi di basilisco
Torta salata con funghi
Arista di maiale con funghi
Stoccafisso ai porcini
FETTINA DI VITELLO CON FUNGHI PORCINI
Cappella di funghi porcini alla griglia
Fegato e gallinacci
Conserva di funghi
Funghi sott'aceto
INSALATA DI FUNGHI
Porcini in padella
SUGO DI CARNE CON FUNGHI
Agnello e funghi
soffritto di chiodini
Farfalle primavera
Schiacciata ai funghi
Pizzette di cappellini
spaghetti con cappellini
Spaghetti profumati
Porcini al Montasio
Tortino di Funghi
FAGOTTINI DI VERZA AL RIPIENO DI FUNGHI E GRANO SARACENO
Tagliatelle ai Funghi
Risotto ai funghi di Rosanna
Lasagne ai funghi di Rosaria
Pasta con Zucca e funghi
Insalata di ovuli-amanita cesarea
Tortiglioni e galletti - Cantharellus cibarius-
Bruschette Funghi e verdura alla claudine
Pizza con frullato di galletti
Tagliatelle castagne e funghi
Chiodini e salsiccia passo passo
Filettini con funghi porcini
Insalata di polpo con patate funghi e rucola
Scaloppine ai funghi
Capesante con porcini
Tagliolini gamberi e porcini
Frittata con funghi di ferla
Funghi al brodo
spugnole ripiene (morchelle)
Torta di funghi e zucchine (Ricetta passo passo)
Cestini croccanti ai funghi
FILETTO DI MANZO AI FUNGHI
ZUPPA DI FUNGHI
PAPPARDELLE AI FUNGHI E CARCIOFI.
INSALATA DI FINOCCHI E PINOLI
Basilisco in tegame
Ravioli ripieni di funghi e noci -Ripieno.
Tranci di nasello con funghi e patate
Agnello ai funghi
Morchelle con crema di tacchino e patate
Filetto di maiale con morchelle essiccate.
Frittata di morchelle
Rotolo di morchelle e ricotta con spinaci
Crema di ricotta di capra, fave e morchelle
Morchelle alla tirolese
Sfoglie di parmigiano croccanti con crema di rosolini e fonduta alle morchelle
Tagliolini alla trifola di morchelle miste
LASAGNETTA ALLE MORCHELLE
Famiglia dei funghetti -Uova e pomodoro
MACCHERONCINI CON OLIVE E FUNGHI
Tagliatelle alla Carrettiera con Porcini
Tagliatelle al cacao con funghi e mascarpone
Crespelle ai funghi chiodini
Insalata di ovuli e porcini
Zuppa di ovuli
Farfalle con porro e funghi
Filetto di maiale con prugne e porcini flambé
Insalata di funghi crudi Prataioli
Insalata di funghi e rucola
Cardoncelli e zucca gialla al forno
Trofiette funghi e speck
Strozzapreti con porcini, zucca e tartufo
Polpettine di zucca e funghi
Strudel di porcini e zucca
Crocchette ai funghi con insalate al salto
Per ogni fungo una ricetta
Tagliatelle al tartufo (scorzone)
Insalata di tonno e funghi
Bavette-porcini limone e pomodorini
Tortino di Funghi
Orecchiette con gamberi e funghi
TAGLIATELLE CON ZUCCHINE E FUNGHI PORCINI
Champignon trifolati
Come cucinare funghi con tossine termolabili
FUNGHI TERMOLABILI
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
OVOLI AL GRATICCIO
BRODO DI OVOLI
OVOLI ALLA CREMA
FUNGHI DELL’INCHIOSTRO
RISOTTO AI GALLETTI
ZUPPA CON GALLETTI
INSALATA DI CHIODINI
CHIODINI IN PADELLA
Cavatelli con funghi e cavolo nero
Ravioli di pasta di patate farciti ai funghi porcini
Spiedini di funghi e filetto con salsa di pane al rosmarino
UN FUNGO,UNA RICETTA "Fungiu di ferra"
Crema di ceci e funghi su crostini di pane
Parmigiana di Funghi (ricetta di Rosanna)
 
 

 
 
Controllo funghi ASL Regione Sicilia

 
 

 
  Ambiente,riciclo e smaltimento rifiuti Oggi parliamo di:: Demanio Forestale Area Attrezzata CAMISA

CAMISA.

Partendo da Randazzo dirigersi verso Cesarò. Dopo circa 4,5 Km., sulla S.S. n. 120, si arriva al ponte sul Fiume Flascio. Da qui seguire le indicazioni verso il Vivaio Flascio e dopo circa 2,5 Km. si arriverà all'omonimo Demanio Forestale il cui ingresso è contraddistinto da un grande cancello. L'area attrezzata,  si trova a circa un chilometro dentro questo demanio forestale, un bellissimo bosco

Nota: Articolo tratto da: http://www.isaporidisicilia.com/areeattrezzate/024.htm
 
 
  Postato da damianoil Giovedì 17 aprile 2008 (1455 letture)
(Leggi Tutto... | 2661 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 
 

 
  Utilità Oggi parliamo di:: Acqua.

L’acqua, tra i quattro elementi, oltre al fuoco, la terra e l’aria, è il più presente nella speculazione simbolica, si carica di significati legati all’origine della vita.
Ogni gorno migliaia di consumatori acquistano nei supermercati l,acqua per il loro fabbisogno alimentare.
Ebbene fare alcune considerazioni prima di presentare la scheda  del Progetto  relativa all'acqua.
Nella scelta dell'acqua  al supermercato , occorre considerare alcuni fattori:
Il fattore provenienza,
decine e decine di camion ogni giorno percorrono le strade italiane  con meta  i ricevimenti merci dei supermercati Siciliani ,qui vi stazionano per ore  sotto il forte sole  in attesa di essere scaricati....segue


 
 
  Postato da damianoil Sabato 10 marzo 2007 (996 letture)
(Leggi Tutto... | 18020 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Monte Cammarata

Per arrivare alla riserva da Agrigento, bisogna percorrere la SS.189 (PA-AG) sino a raggiungere lo svincolo per San Giovanni Gemini - Cammarata. Dai due comuni partono parecchi itinerari che conducono al Monte: per informazioni rivolgersi ai distaccamenti forestali di Cammarata (tel. 0922.909152) o di Santo Stefano di Quisquina (tel. 0922.982065)Monte Cammarata con i suoi 1.578 metri d’altitudine è la vetta più alta del sistema montuoso dei Sicani. Le aree attrezzate.L’area attrezzata di Savochello-Monte Cammarata si trova all’interno di una bellissima pineta dotata di un’area ricreativa per i bambini, in grado di accogliere sino a 300 visitatori. Per raggiungerla bisogna seguire la strada che da Santo Stefano di Quisquina
Nota: Vai al sito della riserva
 
 
  Postato da damianoil Giovedì 01 marzo 2007 (1284 letture)
(Leggi Tutto... | 2054 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Riserva Sambughetti-Campanito

Partendo da Enna, bisogna raggiungere Leonforte attraverso la Statale 121, quindi, usciti dal paese, al bivio si gira a sinistra e si seguono le indicazioni per Nicosia imboccando la Statale 117, dopodichè si procede sulla sinistra in direzione Mistretta: dopo aver percorso 29 km, bisogna svoltare a sinistra per uno sterrato e, dopo un centinaio di metri, proseguendo a piedi, si troveranno chiare indicazioni sui percorsi possibili. Sambuchetti Campanito: dove il faggio fa capolinea… L’emergenza ambientale più significativa della riserva è sicuramente la presenza di una ricca faggeta nella parte alta del cosiddetto Bosco della Giumenta sulla sommità del monte Sambuchetti, distribuito a partire dai 1.350-1.400 m s.l.m.. Si tratta del relitto di una faggeta costituitasi in epoca glaciale nella quale l’areale della pianta raggiunge il suo
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 01 dicembre 2006 (2022 letture)
(Leggi Tutto... | 7207 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Riserva Altesina -EN.

Partendo da Enna, imboccare la Statale 121 per Leonforte, da qui prendere la strada per Villadoro in direzione nord: dopo 14 km si raggiunge il lembo estremo dell’area tutelata. Monte Altesina: tra picchi e sparvieri Monte Altesina conserva in cima il relitto di uno splendido lecceto: il leccio si associa a querce e sorbi, a lentisco e fillirea di cui il bosco è ricco. Tra gli alberi vive una fauna tipica in cui il topo quercino, la lepre appenninica e il coniglio selvatico convivono con il gatto selvatico e la volpe. Qui nidifica e caccia lo sparviere, rapace accipitride che si spinge anche nelle aree aperte. Nei boschi va segnalata anche la presenza del picchio rosso maggiore. L’erpetofauna include piccoli e grandi rettili: la lucertola comune, il coloratissimo ramarro, la bizzarra luscengola, l’emidattilo; tra i serpenti, ricordiamo la vipera e il nero biacco. Negli spazi aperti cacciano la poiana e il gheppio, sui contrafforti rocciosi del monte nidifica il falco pellegrino. Di notte si possono ascoltare i richiami del barbagianni, della civetta e dell’allocco. Monte Altesina alimenta la sorgente principale del Dittaino frequentata
 
 
  Postato da damianoil Lunedì 20 novembre 2006 (1285 letture)
(Leggi Tutto... | 3255 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Ambiente,riciclo e smaltimento rifiuti Oggi parliamo di:: La Riserva Naturale di Fiumefreddo

Tra i territori dei Comuni di Catalabiano e Fiumefreddo di Sicilia (CT), separati dall'alveo dell'omonimo fiume, sorge la Riserva Naturale Orientata Fiumefreddo istituita nel 1984 al fine di consentire la conservazione della flora acquatica e il ripristino, lungo gli argini, della vegetazione mediterranea.
Nel Fiumefreddo la presenza di acque piuttosto... fredde e limpide


 
 
  Postato da damianoil Venerdì 12 maggio 2006 (1027 letture)
(Leggi Tutto... | 1874 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Utilità Oggi parliamo di:: Riserva Fiumedinisi e Monte Scuderi

Denominazione RNO Fiumedinisi e Monte Scuderi Provincia ME Comuni

S. Lucia del Mela, Nizza di Sicilia, Fiumedinisi, S. Pier Niceto, Itala, Monforte San Giorgio, Alì Estensione zona A - zona B 4609,45 Ha di cui 3543,45 in zona A e 1066 in zona B Riferimenti geografici I.G.M. - F. 253 II S.O.; 253 II S.E.; 253 II N.O.; 253 II N.E. Data Istituzione D.A. 743 del 10/12/98 (Piano Reg.)
 
 
  Postato da damianoil Giovedì 04 maggio 2006 (1435 letture)
(Leggi Tutto... | 15595 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 
 

 
  Utilità Oggi parliamo di:: Asparagi

Originario dell'Asia, l'asparago (Asparagus officinalis) era già conosciuto, come pianta spontanea, al tempo degli Egizi, che ne diffusero la coltivazione nel bacino del Mediterraneo.
Il primo documento letterario relativo a questo ortaggio (la "Storia delle piante" del greco Teofrasto) risale a circa 300 anni prima di Cristo, ma solo Catone, un secolo più tardi, parlò dell'asparago sotto il profilo agronomico, descrivendone le tecniche di impianto. Anche Plinio, oltre ad esaltarne le qualità gastronomiche, ne illustrò il metodo di coltivazione nella sua Naturalis Historia
 
 
  Postato da damianoil Giovedì 20 aprile 2006 (1014 letture)
(Leggi Tutto... | 1578 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Latte contaminato

Conoscere prima possibile gli effetti deIl'Isopropyl Thioxanthone, la sostanza chimica che ha contaminato il latte liquido per bambini (si tratta delle confezioni Nestlé Latte Mio, Mio cereali e Nidina 2 con scadenza fino a settembre 2006, e Nidina 1 con scadenza fino a maggio 2006) sequestrate il 22 novembre dal Corpo forestale dello Stato: è quanto chiediamo al ministero della Salute, che disponga immediatamente verifiche per conoscere gli effetti della sostanza ITX, presente nel latte liquido sequestrato
Nota: http://www.altroconsumo.it
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 25 novembre 2005 (1109 letture)
(Leggi Tutto... | 2086 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Frantoi in festa

L’appuntamento istituzionale di quest’anno, che prevede di allargare l’evento a due giornate: la prima, dedicata alle scuole; la seconda, all’ampio pubblico dei consumatori.
Infatti, la consapevolezza dell’importanza di infondere le corrette abitudini alimentari, fin dai primi anni della formazione dell’individuo, ci spinge, da un lato, a puntare sui giovani consumatori, forse più sensibili alle mode dell’economia senza frontiere; dall’altro, a rivolgerci ai tanti che, seppur cresciuti a “pane e olio”, hanno scelto nuovi stili alimentari.

Nota: http://www.alicesicilia.it
 
 
  Postato da damianoil Sabato 19 novembre 2005 (1373 letture)
(Leggi Tutto... | 2656 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: avvelenamenti

L'avvelenamento è lo stato patologico causato dall'assorbimento di sostanze tossiche per inalazione, per ingestione, per iniezione (overdose) e dall'azione che le sostanze assorbite esercitano sull'organismo.
Ognuna di esse per le sue caratteristiche chimiche o di tossicità, assorbimento ed azione, può provocare quadri morbosi differenti per ognuno dei quali è indicata un'apposita terapia.
Tuttavia il primo soccorritore deve fissare poche e semplici regole di comportamento generale finalizzate al compito di fare bene quel poco che va fatto senza perdere tempo prezioso.

Cosa fare


Nota: http://www.kwsalute.kataweb.it/Scheda/0,1056,127,00.html
 
 
  Postato da damianoil Giovedì 17 novembre 2005 (892 letture)
(Leggi Tutto... | 13655 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Novità Oggi parliamo di:: cosa mangiamo

IL NOSTRO E’ UN CIBO SALUTARE?

 

Incredibile, ma verissimo. I nostri attenti acquisti alimentari sono vani perché i cibi prodotti dall’industria chimica contengono svariate “sorprese” contro la vita. Un esempio è quello degli ADDITIVI ALIMENTARI, che convenzionalmente vengono suddivisi come segue:


                    - COLORANTI

                    - AROMATIZZANTI


 
 
  Postato da damianoil Giovedì 17 novembre 2005 (995 letture)
(Leggi Tutto... | 48436 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Protezione Civile Oggi parliamo di:: Incidenti domestici ai bambini

Oltre la metà di tutti gli incidenti ai bambini non accadono per strada, bensì tra le pareti domestiche. L'età più a rischio è quella tra i due e i tre anni. Una finestra aperta, un fornello acceso, la bottiglia del detersivo liquido lasciata a portata di mano... sono piccole disattenzioni che possono avere conseguenze drammatiche. I bambini vedono il mondo con occhi diversi dagli adulti. A differenza dei "grandi," non sanno ancora riconoscere rischi e pericoli. Molte cose del tutto scontate per un adulto, possono rivelarsi fatali per i più piccoli. Per ridurre i
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 11 novembre 2005 (947 letture)
(Leggi Tutto... | 1435 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Protezione Civile Oggi parliamo di:: terremoti

I terremoti sono fenomeni naturali caratterizzati da una liberazione di energia sotto due forme distinte: una a livello potenziale (onde d'urto causate dal movimento della crosta terrestre o degli strati profondi) ed una a
Nota: http://www.astvvf.org/
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 11 novembre 2005 (864 letture)
(Leggi Tutto... | 4009 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: AVVERTENZE SUL CONSUMO DEI FUNGHI

I funghi considerati commestibili dovranno essere conservati in contenitori rigidi e aerati e mantenuti in luogo fresco.
Il consumo e le operazioni di conservazione dovranno avvenire nel più breve tempo possibile con l'osservanza delle eventuali modalità di utilizzo impartite degli esperti (cottura prolungata, ecc.)

Si sconsiglia di consumare funghi:
1) in caso di dubbio;


 
 
  Postato da damianoil Venerdì 04 novembre 2005 (950 letture)
(Leggi Tutto... | 1865 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Cos’è il BOTULINO

Clostridium Botulinum è sempre stata una tossina molto attiva, responsabile di vari avvelenamenti naturali, causati dall'ingestione di cibi conservati e contenenti questo bacillo, che, allo stato di spora, mostra notevole resistenza nei confronti degli agenti fisici e chimici, infatti sopporta l'ebollizione per 3-4 ore e la
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 04 novembre 2005 (4314 letture)
(Leggi Tutto... | 2366 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: La congelazione dei funghi

Per ottenere  una corretta congelazione dei funghi occorre seguire dei procedimenti ben precisi.
Prima di tutto, non tutti i funghi sono  idonei per la congelazione e non tutti possono essere congelati crudi.Risulta importante diminuire al massimo i tempi intercorsi dalla raccolta alla congelazione. Di norma vanno scelti  i funghi migliori,i più piccoli e i  più sodi.
Come prima cosa occorre

 
 
  Postato da damianoil Venerdì 04 novembre 2005 (1904 letture)
(Leggi Tutto... | 1894 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Essiccazione dei funghi

L'essiccazione
È il tipo di conservazione più usato. I funghi, già puliti, si tagliano a fette grosse, che vanno poi disposte su telai a rete con maglie piccole. I telai vanno sistemati al sole o, meglio, all'ombra in corrente d'aria asciutta. Se il tempo è piovoso, si possono utilizzare degli essiccatoi elettrici che si trovano in commercio. Assolutamente da evitare

 
 
  Postato da damianoil Venerdì 04 novembre 2005 (1720 letture)
(Leggi Tutto... | 1018 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Consigli per la conservazione dei funghi

Funghi sott'olio o sott'aceto • Usare solo funghi giovani e sani. Lasciare interi quelli piccoli e tagliare a pezzi quelli più grandi. • Pulirli e lavarli accuratamente. • Scolarli e lasciarli asciugare bene. • Preparare una miscela di due terzi di aceto e un terzo di acqua, sale quanto basta. Quando bolle gettarvi i funghi e lasciarli almeno 10 minuti.
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 04 novembre 2005 (1901 letture)
(Leggi Tutto... | 1265 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Olio di Oliva

L'olio di oliva è un componente fondamentale e tipico della dieta mediterranea.
Il termine "olio di oliva" comunemente è usato in maniera generica per definire tutti gli oli derivanti della lavorazione delle olive; in realtà questo termine racchiude una gamma di prodotti diversi per qualità e caratteristiche.
Nota:
Notizie tratte da www.politicheagricole.it

 
 
  Postato da damianoil Giovedì 03 novembre 2005 (884 letture)
(Leggi Tutto... | 8435 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Parco Fluviale del Fiume Alcantara

A 1.200 metri di altezza sulle pendici dell'Etna scorre, tortuoso e inaccessibile, il fiume Alcantara. Migliaia di anni fa il Mojo, un piccolo cratere etneo, eruttò un'enorme massa di lava invadendo l'intera vallata del fiume Alcantara. Il magma si fece strada sino al mare incanalandosi sul letto di un antico fiume, sprofondando nei tratti più argillosi e, una volta raffreddatosi, formò alte pareti di basalto. Successivamente, le gelide acque del fiume Alcantara scorrendo erosero la colata lavica e disegnarono una sorta di canyon oggi noto a tutti come Gole dell'Alcantara.
Quest'antica attività vulcanica ha dato luogo a vere e proprie sculture, monumenti della natura particolarmente suggestive.

 
 
  Postato da damianoil Mercoledì 26 ottobre 2005 (980 letture)
(Leggi Tutto... | 7442 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Cos'è il Carbonchio

In questi giorni , spesso si sente nominare la parola "Carbonchio",  e a volte viene utilizzata per  ingigantire situazioni di pericolo.Per tale motivo riportiamo una scheda  del SIMI  (sistema informatizzato malattie infettive) relativa al batterio.
Il carbonchio è una malattia infettiva acuta causata dal batterio Bacillus anthracis, un germe produttore di spore che possono sopravvivere a lungo nell’ambiente.
Si tratta di una malattia che colpisce soprattutto gli animali erbivori, ma può interessare anche l’uomo. Di solito gli uomini acquisiscono la malattia per contatto con animali infetti, soprattutto durante la lavorazione di derivati animali quali pelo, pelle, lana e ossa; per questo il carbonchio è frequente nelle zone agricole in cui la malattia è comune nel bestiame. A differenza di altre zone geografiche (ad esempio gli USA) in cui la malattia tra gli animali è stata eliminata, in Italia fino a tempi recenti si sono verificati casi di carbonchio animale e occasionalmente viene registrato anche qualche decesso umano.
La trasmissione diretta dell’infezione da persona a persona è estremamente rara.


 
 
  Postato da damianoil Lunedì 03 ottobre 2005 (1014 letture)
(Leggi Tutto... | 3303 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Utilità Oggi parliamo di:: More di bosco

MORE

Il rovo, la pianta da cui si raccoglie soprattutto in estate, è presente in tutti i i boschi del Nord Europa, ma la si trova anche in alcune nostre campagne, basta fare attenzione a non raccogliere i frutti vicino alle strade trafficate perché potrebbero essere inquinati dagli scarichi.


Nota: By http://www.ricettepertutti.it
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 02 settembre 2005 (950 letture)
(Leggi Tutto... | 1042 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Utilità Oggi parliamo di:: Salvia

 
SALVIA

NOME SCIENTIFICO: Salvia officinalis

NOMI DIALETTALI: salvia degli uccelli, erba sacra, tè di Grecia, erba salvia, selvia, sàlevia

DESCRIZIONE: appartiene alla famiglia delle Labiate, che comprende circa 750 specie. Il nome deriva dal latino salus salvus, salute e in buona salute, sano, con riferimento alle sue riconosciute proprietà curative e medicamentose, fiducia che ha mantenuto inalterata nel tempo. L’uso della salvia è datato fin dall’antichità, la Scuola di Salerno denominava questa pianta Salvia salvatrix. È originaria dell’Europa meridionale, in particolare nella regione mediterranea, viene anche coltivata commercialmente in vari paesi. Cresce da 30 a 70 cm, fino a 800 m. Tutte le varietà di salvia sono estremamente aromatiche e la salvia officinalis di cui ci occupiamo, con le sue varietà di colori, ha grande importanza anche nell’alimentazione.

PARTI UTILIZZATE: foglie prima della fioritura, sommità fiorite.

PRINCIPI COSTITUENTI: olio essenziale, flavonidi, acidi fenolici, sostanze estrogene, tannini.

PROPRIETÀ: tonico generale, antisettico, antispasmodico, antisudorifero, diuretico, emmenagogo, ipoglicemizzante. È consigliata in caso d’asma, infezioni alla bocca, della gola e delle vie respiratorie, influenza, raffreddore, eczemi, piaghe, ulcere, dermatiti, per regolazzirare il ciclo mestruale, irrigazioni vaginali, per alleviare i disturbi della menopausa, contro la frigidità e l’impotenza, il nervosismo, per stimolare la digestione e calmare gli attacchi di diarrea, contro il tabagismo, la melanconia e la depressione. DA EVITARE: non dovrebbero essere assunte da donne in gravidanza o durante l’allattamento. Si consiglia di non assumere salvia per lungo tempo, o di abusarne con dosi massicce poiché contiene sostanze tossiche dell’assenzio ed è controindicata agli ipertesi e agli epilettici.


Nota: By http://www.arcobaleno.net
 
 
  Postato da damianoil Venerdì 02 settembre 2005 (887 letture)
(Leggi Tutto... | 8642 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Ottobrata a Zafferana

ZAFFERANA ETNEA: Ottobrata
L'0ttobrata si svolge tutte le domeniche di ottobre nel Comune di Zafferana Etnea: è una mostra mercato dei prodotti tipici, della gastronomia e dell'artigianato di qualità, ma anche spettacoli, escursioni, mostre fotografiche e dimostrazioni di alcuni processi produttivi.
Gli stand espositivi si trovano nel centro storico, in Piazza Umberto, in Piazza Belvedere, nella Villa Comunale e nel piazzale davanti al parco comunale e sono divisi per settore.
La manifestazione è nata all'inizio degli anni ottanta come Sagra dell'uva, delle castagne, del miele, dei funghi e delle mele dell'Etna.

 
 
  Postato da damianoil Lunedì 29 agosto 2005 (891 letture)
(Leggi Tutto... | 1005 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Ilice Pantano

Tempo di percorrenza a piedi 30 min. - 1,5 Km. circa


IL LECCIO SECOLARE
Due sono i percorsi che portano all'Ilice, il più grande e antico leccio (quercus ilex) dell'Etna ed entrambi partono dall'abitato di Caselle. Il primo si svolge lungo una strada a fondo naturale che ha inizio subito dopo il frantoio di Caselle; la strada è percorribile in auto con qualche difficoltà per alcune centinaia di metri fino ad una sbarra di ferro. Da questo punto ci si inoltra a piedi lungo una stradella che attraversa un boschetto di castagni, in direzione sud-ovest e consente di arrivare in meno di dieci minuti all'Ilice. Il secondo percorso è consigliato per chi ama camminare. Si attraversa Caselle, imboccando la prima strada a sinistra (via Carlino I°) qualche decina di metri dopo la piazzetta. La strada finisce dopo

 
 
  Postato da damianoil Lunedì 29 agosto 2005 (1109 letture)
(Leggi Tutto... | 2085 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Itinerario Castagno dei cento cavalli (S.Alfio ) Ct.

Il Castagno dei Cento Cavalli secondo il noto botanico torinese Peyronal ha un'età di 3000 - 4000 anni ed è l'albero più antico d'Europa e il più grande d'Italia. 
A soli 300 metri di distanza, in contrada Taverna di Mascali, si trova il secondo albero più grande d'Italia con un'età di oltre 1000 anni il cosiddetto "Castagno della Nave".
Alcuni, negli anni passati, hanno scritto delle  mal ridotte condizioni del Castagno dei Cento Cavalli; è facile dimostrare il contrario, basti pensare che già alla fine del '700 Jean Houel nel Voyage de la Sicile, de Malta e Lipari (1784 II pg 76-80) lo descrive "in uno stato non ottimale" e Alberto Fortis (1780 "Della coltura del castagno) rincara sostenendo che "esso trovasi attualmente degradato......"  mentre nel 1967 l'eminente professore dell'Università di Padova Lucio Susmel, riportando le notizie scritte a fine ottocento dal botanico Parlatore lo classificò come non più esistente, salvo a ricredersi dopo una simpatica corrispondenza con un intellettuale del luogo.
 
 
  Postato da damianoil Lunedì 29 agosto 2005 (1083 letture)
(Leggi Tutto... | 2765 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: I funghi, cibo degli Dei cinesi



30-08-2004 - Cibo degli Dei in Cina, i funghi già in tempi remoti avevano un posto d'onore sulle mense degli antichi Egizi e dei Babilonesi. Dalla Grecia, dove vennero elogiati da Teofrasto (il successore di Aristotele nella guida del Liceo), i funghi arrivarono a Roma e lì furono subito apprezzati da buongustai e letterati come Giovenale (funghi e beccafichi era il suo piatto preferito), Plutarco e Orazio (che considerava i prataioli superiori a qualsiasi altro cibo). Il primo autore a descriverne dettagliatamente caratteristiche e qualità fu Plinio il Vecchio, nella sua grande opera Storia Naturale, mentre Apicio ne codificò una lunga serie di ricette nel De re coquinaria.


 
 
  Postato da damianoil Sabato 09 luglio 2005 (4111 letture)
(Leggi Tutto... | 8155 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Curiosità Oggi parliamo di:: Riserva Malabotta

Denominazione RNO Bosco di Malabotta Provincia ME Comuni Montalbano Elicona, Roccella Valdemone, Malvagna, Francavilla di Sic., Tripi, Moio Estensione zona A - zona B 3221,95 Ha di cui 1516,87 in zona A e 1705,08 in zona B Riferimenti geografici I.G.M. - F. 262 IV N.E.; 262 IV N.O. Data Istituzione D.A. 477 del 25/7/97 (Piano Reg.)
 
 
  Postato da damianoil Martedì 28 giugno 2005 (3623 letture)
(Leggi Tutto... | 9910 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
  Novità Oggi parliamo di:: Trazzera turistica per i Nebrodi

maniace: partirà da petrosino
«Trazzera» turistica per i Nebrodi


Maniace si candida a diventare vera e naturale porta dei Nebrodi, favorendo il turismo naturalistico ed ambientale all'interno dei ricchi boschi che subito dopo l'abitato della contrada Petrosino si spingono fino alle vette più alte. Il sindaco, Salvatore Pinzone Vecchio, infatti, ha ricevuto il direttore del Parco del Nebrodi, dott. Salvatore Di Martino, per proporgli la realizzazione di una nuova strada che da Petrosino raggiunge,


 
 
  Postato da damianoil Lunedì 27 giugno 2005 (946 letture)
(Leggi Tutto... | 1703 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 
 

 
 
Meteo funghi

 
 

 
 
Auguri ai Soci


Buon compleanno a...

Alfio 1944
Antonio 1965
Antonio G. 1963
Filippo 1960
Francesco 1937
Gaetano 1944
Giuseppe 1964
Giuseppe 1947
Giuseppe 1961
Luigi A. 1938
Pietro 1951
Pietro 1951
Salvatore 1945
Santo 1983
Santo 1937
 
 

 
 
Collabora con il Sito

 
 

 
 
Foto-Video







Video Fungaioli






Tutto sull'ETNA



SALVIAMO I BOSCHI

corpo forestale

Cosa fare in caso :



 
 

 
 
Parchi


Boschi di Sicilia
Parchi d'Italia
Parco Alcantara
Parco dei Nebrodi
Parco del Frignano
Parco dell' Etna
Parco delle Madonie
Parco Monteserra
 
 

 
 
Siti web -Micologici.


ActaFungorum
Funghi .org
Funghiemicologia
Fungocenter
Fungoceva
Fungolandia
G.M.F
Geocity links
InfoFunghi
Ispettorimicologici
Lageotropa
Micofunghinatura Forum Micologico
Micologi.it
Natura Mediterraneo
P.Stivala Conoscere i funghi
U.N.P.I.S.I
www.funghionline.it/
 
 

 
 
Mediterraneo



 Prima edizione
 
 

 
 
Trova cinema

Cerca in Trovacinema

Trovacinema

Città

Provincia
 
 

 
 
Mappa visitatori

Visitatori collegati da:

 
 

 
 
Visitatori dal mondo

Locations of visitors to this page 
 
 

 
 
In edicola





foto Nicola Amalfi - funghirari
















 
 

 
 
Meteo

©

 
 

 
 
Micologia sul web


 
 

 
 
Etnanatura.it



Fine aggiornamenti

I numeri di etnanatura

Chiesa dei santi Pietro e Paolo

Castello di Forza d'Agrà²

Demolizione

Monte Nero delle Concazze
 
 


 
 

Associazione Didattico Culturale
Fungaioli Siciliani
Il Portale dei Fungaioli in Sicilia
Via Eleonora D'Angio 12  95030  Pedara (CT)
C.F  9003237087
info@fungaiolisiciliani.it

Pedara Catania







PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi