Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Martedi 19 Settembre 2017
 

Commestibilità dei funghi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

commestibilità

com·me·sti·bi·li·tà/

sostantivo femminile

  1. La presenza di requisiti che rendono una sostanza idonea al consumo umano.

La definizione di commestibilità di una determinata specie fungina, è data dall’assenza di contenuti di sostanze tossiche.

Le specie di cui  è ammesso il consumo da “Crudi”in quantità limitate ed in esemplari  freschi ed  in buono stato  sono:

 Amanita caesarea

Tuber magnatum

 Russula virescens

 iBoletusdel gruppo dell'edulis

Tremiscus helvelloides(=Guepinia rufa)

Il consumo di funghi " Commestibili " può determinare in alcuni soggetti stati di "Intolleranza Alimentare" non dipendenti dal loro stato di commestibilità.

Si ricorda  che  i funghi freschi epigei spontanei, acquistati  dai venditori a posto fisso  devono essere correlati dalla certificazione della Azienda Sanitaria provinciale. Tale certificazione infatti garantisce la commestibilità dei funghi e riporta altresì la data entro la quale gli stessi vanno tassativamente consumati.

 Anche nei ristoranti, per i funghi freschi epigei spontanei il consumatore può chiedere la visione della certificazione dell’Azienda Sanitaria Provinciale. Inoltre tutte le specie epigee spontanee conservate in stato di congelazione o surgelazione o in conserve sott'olio o di qualsiaisi altro metodo di conservazione, devono possedere certificazione Micologica redatta da Micologo Specializzato iscritto all'Elenco Nazionale Micologi del Ministero della Salute della Repubblica Italiana.

Glossario di Micologia

Utenti

Alessandro   SALVO MESSINESE   esselle   angelo5858   crm   crm   crm   danilux   Massimo   Kragostef   Giuseppe   Mulinkiana  

Sedi

  Via Eleonora D'Angio 12 95030 Pedara (CT)
  Barcellona Pozzo di Gotto
  info (@) fungaiolisiciliani.it
  +39 3474575855
  +39 3291233364
 C.F 9003237087